Google ha chiesto a tutti i dipendenti di rispettare le politiche aziendali sui vaccini

1541

La direzione di Google ha deciso di licenziare i dipendenti che si rifiutano di prendere il vaccino COVID 19. Il gigante tecnologico ha annunciato che coloro che non presenteranno i loro documenti di vaccinazione perderanno alla fine il loro lavoro da Google.

Credit: fortune

Il capo di Google Sundar Pichai ha chiesto a tutti i dipendenti a luglio di farsi vaccinare. Ora l’azienda ha chiesto a tutti i dipendenti di caricare i documenti che dimostrano lo stato di vaccinazione. Google ha chiesto ai suoi dipendenti un eventuale ritorno in ufficio. Ma a causa della vaccinazione contro il coronavirus, è stata ripetutamente ritardata. L’azienda si aspetta che coloro che sono presenti sul posto di lavoro siano vaccinati con una dose completa.

Credit: entrepreneur

Un portavoce di Google ha detto: “Come abbiamo dichiarato in precedenza, i nostri requisiti di vaccinazione sono uno dei modi più importanti per mantenere la nostra forza lavoro sicura e mantenere i nostri servizi in funzione. Siamo impegnati a fare tutto il possibile per aiutare i nostri dipendenti che possono vaccinarsi a farlo, e sosteniamo fermamente la nostra politica di vaccinazione”.

Secondo il regolamento della US Occupational Safety and Health Administration, le aziende con 100 o più dipendenti dovrebbero fare in modo che tutti i dipendenti siano vaccinati o testati per il Covid-19 una volta alla settimana. Ma questa regola è stata contestata in tribunale, e ora è stata sospesa in attesa di una sentenza del tribunale.

Credit: cnbc

Google ha detto che si aspetta che i dipendenti vengano in ufficio almeno tre giorni a settimana. Ha anche deciso di tagliare la paga per quei dipendenti che vogliono continuare a lavorare in remoto. Tuttavia, altri giganti della tecnologia stanno adottando un approccio diverso. Per esempio, Twitter ha suggerito al suo staff di lavorare da casa per sempre. Recentemente anche Facebook ha detto che i dipendenti possono chiedere di continuare a lavorare da casa.