Il tribunale ha negato la richiesta di Apple di ritardare i cambiamenti al suo App Store

903

Come risultato della storica battaglia legale tra Epic Games e Apple, un giudice federale statunitense ha negato la richiesta di ritardare le modifiche all’App Store di Apple. Anche se Apple ha vinto la battaglia legale, non potrebbe più vietare agli sviluppatori di chiedere ai clienti opzioni di pagamento non-Apple.

Credit: wired

Apple si è appellata contro questa sentenza e ha chiesto il permesso di ritardare l’attuazione del cambiamento mentre il suo appello è in corso. Ora lo sviluppatore di app può chiedere ai clienti di usare opzioni di pagamento non-Apple che non usano il sistema di pagamento di Apple. Quindi, ora gli sviluppatori non hanno bisogno di pagare il 15-30% di Apple sulle vendite.

Credit: wccftech

A settembre, il giudice Yvonne Gonzalez Rogers ha scoperto che Apple non sta eseguendo un monopolio per il modo in cui gestisce il suo App Store. Ha anche detto che le tasse che Apple sta facendo pagare non sono illegali. Ha scritto: “Il successo non è illegale”. Ha anche scritto nella sua sentenza: “La mozione di Apple è basata su una lettura selettiva dei risultati di questa corte e ignora tutti i risultati che hanno sostenuto l’ingiunzione”.

Credit: economictimes

Ha anche scritto nella sua sentenza, “A parte, forse, la necessità di tempo per stabilire le linee guida, Apple non ha fornito alcuna ragione credibile per la corte di credere che l’ingiunzione causerebbe la devastazione professata”. Poi ha aggiunto: “I link possono essere testati dalla revisione delle app. Gli utenti possono aprire i browser e ridigitare i link con lo stesso effetto; è semplicemente scomodo, che poi, funziona solo a vantaggio di Apple”.